Image Cross Fader Redux

(20 febbraio 2015) di ROBERTO SAVINO - Con l’importante martedì di Champions ormai alle porte, la Juventus affronta tra le mura amiche l’Atalanta nell’anticipo del venerdì, con l’obiettivo di centrare i tre punti e dissipare i dubbi sulla condizione fisica e mentale emersi nella precedente sfida di campionato in quel di Cesena. Torna davanti la coppia Tevez-Llorente, mentre Padoin rileva a sinistra Evra, con Pereyra nel ruolo di trequartista solitamente occupato da Vidal, oggi acciaccato. Otto di gioco e la girata di Llorente sul primo corner della partita sfila larga. Qualche giro di lancetta e la palla tra le linee di Tevez per Caceres è deliziosa. L’uruguagio non tenta la battuta, rimette la sfera verso il centro e la difesa nerazzurra spazza via. Poi Pirlo verticalizza per Llorente. Il basco è bravo ad anticipare Masiello ma spara a lato in diagonale. I ritmi sono bassi e la pecca più evidente dei padroni di casa è quella di cercare sistematicamente improbabili triangolazioni sottoporta con l’area orobica intasata di maglie nerazzurre. L’Atalanta non è pervenuta. Almeno fino al minuto 24. Sul rimpallo, Pirlo offre un assist involontario a Baselli. La botta è secca, Buffon si supera e salva. Sul corner susseguente, Migliaccio svetta su tutti ed infila il portierone sul palo lontano. E’ lo 0 a 1 che ghiaccia i torinesi, i quali reagiscono prontamente con un destro di Tevez a lato e con l’incursione di Pereyra sventata con i piedi da Sportiello. E’ un fuoco di paglia, perché i bianconeri sembrano davvero accusare il colpo. A sette dal termine della prima frazione, la fiammata che riapre la partita. Pogba taglia il campo per Caceres. Stavolta el pelado tira secco sul primo palo, Sportiello a mano aperta devia in corner. Sugli sviluppi, l’inzuccata di Bonucci impegna ancora l’estremo difensore bergamasco. A risolvere la furibonda mischia davanti ai suoi piedi è Llorente, prontissimo ad accompagnare da pochi passi la palla in rete per il sospirato pareggio (38°). Ora la Juve si sveglia e proprio in chiusura di tempo passa in vantaggio con una magia. Pogba non trova lo spiraglio per sparare dai 18 metri, Marchisio smista per il Mago Pirlo, il quale mette tutti d’accordo con una sassata dai 25 metri che si infila nell’angolo alto rendendo vano il volo del portiere. E’ il 2 a 1 che fa esplodere lo Stadium, ora rinfrancato rispetto alla serpeggiante delusione di pochi minuti prima. Cala ancora la velocità nella ripresa e la prima emozione arriva solo al  54°. Tevez sfonda centralmente ed allarga per Pereyra. Il cross sul secondo palo è per la schiacciata di testa di Pogba a colpo sicuro. Sportiello si supera ancora e respinge. Nemmeno dieci secondi e Scaloni allaccia Marchisio in piena area. Si continua con un giallo sul groppone del centrocampista bianconero, reo di una reazione veemente nei confronti del suo marcatore. Un minuto e la gamba altissima di Cigarini sempre su Marchisio, sempre in piena area, è ignorata dall’arbitro. Tanti, tantissimi errori da parte di entrambe le squadre e Juve che non riesce più a creare pericoli ai volenterosi avversari i quali, a loro volta, davanti sono innocui. Il destro di Scaloni dalla distanza è alto e non preoccupa Buffon. La sventola di Tevez è murata e la rete della sicurezza non arriva. Spende mille falli una Juve un po’ sulle gambe, guadagnando cartellini in serie che, però, non producono danni in vista della partitissima di Roma. L’ultima emozione è la torsione di Migliaccio sul traversone di Scaloni. Un secondo di apnea, giusto in tempo di intuire che quel pallone non inquadra la porta e via con gli ultimi cinque di partita con il timore di un’unica azione nerazzurra che comprometta le sorti dell’incontro. Il triplice fischio è una liberazione. Soffrendo, una Juventus ancora non brillante guadagna tre punti fondamentali nella corsa al tricolore, raggiungendo i 57 punti in classifica. 

1 commenti...dì la tua!... Leggi e aggiungi il tuo commento!

  1. A parte gli errori, comunque trovo che, almeno all'inizio, la Juve abbia giocato bene, ma si è spenta soprattutto nel secondo tempo e la partita è diventata piuttosto noiosa.

    RispondiElimina

Lascia il tuo commento su ForzaJuveblog.com!

Copyright 2006 | Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com | Links utili: Redazione - Contattaci - Siti amici - Risultati in diretta