Image Cross Fader Redux

(9 dicembre 2014) di ROBERTO SAVINO - Almeno un pari contro l’Atletico Madrid tra le mura amiche dello Stadium e per la Juve saranno ottavi di finale della massima competizione europea come seconda del girone senza doversi preoccupare dell’Olympiacos, impegnata nella gara interna contro il Malmo. Una vittoria con due reti, invece, decreterebbe il primo posto degli uomini di Allegri, quest’oggi in bianconero e tornati a schierarsi con il 4 3 1 2 caro al suo allenatore, con Evra terzino a sinistra e Pereyra in mezzo al posto di un febbricitante Marchisio. Otto minuti di gioco e Bonucci è leggero nell’appoggio della sfera verso il centro a beneficio di Koke. La botta dello spagnolo dal limite mette a dura prova Buffon, bravissimo a sventare l’occasionissima. Pogba da sinistra fa partire un traversone a rientrare, Llorente non ci arriva, ma per poco non inganna ugualmente il Moyà. E’ una discreta Juve questa di inizio partita, contro un Atletico come al solito disposto in campo in maniera perfetta e che si destreggia tra le maglie torinesi con meccanismi rodatissimi. Godin lì dietro è una calamita e respinge ogni cross pericoloso. Avaro di emozioni, il tempo si chiude con la sventola di Suarez dai 18 metri. Buffon è attento ed in tuffo respinge. Fare due reti agli uomini di Simeone è impresa sempre più probante, ingigantita dalla paura di prenderne uno che varrebbe la retrocessione in Europa League, così la sfida latita anche nella ripresa. Il palo di Gabi direttamente su corner con Buffon sulla traiettoria è casuale, la botta di Pogba al termine di una combinazione Llorente-Tevez, è deviata con il corpo da un difensore in corner. Tentano soluzioni dalla distanza i bianconeri, sintomo della poca voglia di insistere in azioni arrembanti che potrebbero lasciare le spalle scoperte a pericolose azioni di rimessa. Vidal, due volte dal limite, Pogba da trenta metri, cercano di scardinare la difesa ospite, ma non c’è nulla da fare. L’Olympiacos ad Atene ripassa in vantaggio ed il match praticamente si chiude quando a dieci dal termine la Juve capisce che sarebbe un suicidio scoprirsi più di tanto per una vittoria inutile. Al triplice fischio, lo 0 a 0 vale il 10° punto in classifica e una qualificazione agli ottavi di Champions come seconda che, ad un certo punto del cammino, sembrava svanita.

Che ne pensi? Lascia il tuo commento e interagisci con gli altri!

Lascia il tuo commento su ForzaJuveblog.com!

Subscribe to Posts | Subscribe to Comments

Copyright 2006 | Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com | Links utili: Redazione - Contattaci - Siti amici - Risultati in diretta