Image Cross Fader Redux

(27 settembre 2014) di ROBERTO SAVINO - Chiamata a rispondere alla Roma, vittoriosa nel pomeriggio nell’incontro casalingo contro il Verona, la Juventus affronta l’Atalanta al Fratelli d’Italia presentandosi con i suoi effettivi incurante dell’impegno di Champions in settimana. Pronti via ed il destro di Boselli provoca qualche brivido. Buffon in volo è sulla traiettoria, ma la palla sfila larga. Atalanta aggressiva fin da subito come nessuno in stagione contro i bianconeri, i quali fingono di non patire il ritmo forsennato imposto dalla banda Colantuono, cercando di contrattaccare quando possibile, ma commettendo errori banali in appoggio. Dieci minuti e Tevez con una caparbia azione personale sulla sinistra, cerca di scuotere i suoi. Il suo destro a giro è fuori misura, ma è un segnale. Il calo di ritmo è tutto a vantaggio degli ospiti, ora sempre più in possesso palla. Tevez riparte sulla verticalizzazione di Vidal, Benalouane lo stende e si guadagna il giallo. Denis dall’altra parte vede Estigarribia a destra e lo serve. Il destro dell’ex juventino non fa male ed attraversa l’area per spegnersi sul fondo. L’apache è attivissimo, cerca due volte la via della rete con un destro troppo centrale per sorprendere Sportiello e la partita resta viva, con l’Atalanta pregevole nel suo gioco a viso aperto e pronta a creare grattacapi alla retroguardia bianconera, pur pungendo poco, ogni volta che si affaccia nella sua metà campo. Inevitabilmente, il possesso palla degli uomini di Allegri cresce sempre più. Llorente si districa bene ai venti metri, scorge un varco per Lichtsteiner e lo lancia in porta. Lo scavetto dello svizzero è per superare il portiere e la palla bollente attraversa tutta l’area piccola. Tevez è fulmineo, si catapulta sulla sfera e la scaraventa in rete per il vantaggio (35°). Estigarribia sbaglia il rinvio, Evra libera il destro di Pogba, svirgolato a vantaggio della testata di Llorente in anticipo sul portiere. La palla è appena alta sulla traversa e si va negli spogliatoi. Parte bene la Juve nella ripresa, attenta a spezzare le trame nerazzurre, ripartendo in sicurezza. Vidal con il sinistro spedisce alto al 55°, Ogbonna impedisce un filtrante che avrebbe lanciato Gomez in porta, Marchisio giganteggia a centrocampo e Llorente finalmente riesce a concludere sul traversone di Vidal, palla facile tra le braccia del portiere. Poi, al minuto 58, gli episodi che decidono la sfida. Chiellini è sorpreso della palla tra le line che lo scavalca, Molina sembra fucilato dal difensore e l’arbitro assegna il rigore. Buffon è fantastico, ipnotizza Denis e sventa da campione. Sul rovesciamento di fronte, una Juve galvanizzata dallo scampato pericolo, con cinismo distrugge ogni velleità dell’avversario nel suo peggior momento psicologico. Al termine di un’azione convulsa, Evra appoggia a Tevez. Dai sedici metri, il destro da carogna dell’Apache, radente e preciso, supera Sportiello e si insacca alle sue spalle per momenti di delirio bianconero. Morata, dentro per un macchinoso Llorente e Tevez hanno buone occasioni di arrotondare, Molina dall’altra parte si accentra saltando Evra, destro alto da favorevole posizione. Si chiude la Juve a difesa del vantaggio, lasciando solo Morata lì davanti, ma quando riesce ad organizzare la manovra, colpisce di collettivo in maniera letale. Tevez, stratosferico oggi, tocca profondo per Pereyra, il cui traversone morbido è per l’inzuccata perentoria di Morata, impossibile da respingere (84°). Game over al Fratelli d’Italia. Una grande Juve surclassa un’ottima Atalanta, incrementando a cinque la favolosa striscia positiva di vittorie consecutive in questo Campionato senza subire reti (Buffon non ne subisce da 901 minuti, la Juve vince da 12 partite consecutive contando anche il campionato trascorso), agganciando la Roma al primo posto in classifica, in attesa del big match della prossima settimana contro i giallorossi, che molto dirà dell’esatto valore di entrambe le contendenti.

3 commenti...dì la tua!... Leggi e aggiungi il tuo commento!

  1. Unico appunto su chiellini che ogni partita ne combina una e lorente che non sta vedendo la.porta....devono migliorare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lliorente non vede la porta ma la fa vedere!!!

      Elimina
  2. Dimenticavo fabrizio from bari

    RispondiElimina

Lascia il tuo commento su ForzaJuveblog.com!

Copyright 2006 | Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com | Links utili: Redazione - Contattaci - Siti amici - Risultati in diretta