Image Cross Fader Redux

(13 settembre 2014) di ROBERTO SAVINO - Tante le assenze per Allegri in questa seconda giornata del campionato che si gioca tra le mura amiche contro l'Udinese. Ma Tevez, a dispetto delle invenzioni giornalistiche c'è, come c'è  Evra al debutto nel ruolo di esterno sinistro di centrocampo in sostituzione di Asamoah. Parte violenta la Juve e, pronti via, dopo appena otto minuti, Lichtsteiner arriva sin sul fondo servendo rasoterra un pallone all'indietro troppo invitante per il destro di Tevez, sul quale Karnekis non arriva per il vantaggio juventino. Comandano il gioco i padroni di casa, ma tra una punizione sciupata malamente e la ciabattata di Tevez, non pungono più di tanto. Così la seconda vera occasione da gol arriva solo al minuto 29 con un'altra palla dietro, stavolta di Llorente, sparata in curva da Pereyra da ottima posizione. Quando può, l'Udinese cerca ripartenze improvvise, appoggiando il gioco sui suoi uomini di maggior talento, Di Natale e Muriel. Il secondo vola via a sinistra e crossa per la punta. Ci pensa Ogbonna con tempismo a sventare l'azione pericolosissima. Ma è un sospiro in una selva di azioni dei torinesi. Lo scambio Tevez-Llorente-Tevez porta l'argentino al tiro, alto, quello tra i due che lancia Lichtsteiner è velocissimo e si conclude con un destro affrettato dello svizzero. Pogba è troppo buono e da buona posizione per due volte non punisce la retroguardia friulana ed il tempo si chiude con una bella Juve negli occhi, agile nel palleggio e nel manovrare palla a terra con Pereyra, Pogba e Tevez - quest'ultimo sovente lontano dalla porta - per gli inserimenti laterali di Evra e Lichtsteiner. Unica pecca, un raddoppio meritato che non si è concretizzato, lasciando aperte le sorti del match. La ripresa comincia con la stessa Juve in campo, anche se l'Udinese appare più convinta e spavalda, tanto che, dopo l'ora di gioco, giunge qualche brivido nell'area torinese e due corner consecutivi. Sul secondo, Danilo trova lo spazio per la stoccata, Bubnjic devia in rete, ma un off side lo ferma. Passata la paura, la Juve si scuote un pò e dopo il sinistro sballato di Llorente, chiude il match. Siamo al minuto 75 e Tevez lavora da par suo un pallone nell'area ospite, scaricandolo fuori area sull'accorrente Marchisio. Il Principino carica il destro, imbuca l'angolino basso del portiere e fa il tanto sospirato 2 a 0. Si spegne la gara, i Campioni d'Italia abbassano il ritmo e, con la testa già alla Champions, cercano di arrivare al 90° sprecando meno energie possibili. A mettersi in luce, i giovanissimi Coman e Morata, appena entrati, con lo spagnolo, anch'egli al debutto, vicinissimo al gol sul sinistro fermato dal portiere avversario con una prodezza.  

1 commenti...dì la tua!... Leggi e aggiungi il tuo commento!

  1. Roby piace questo forza juvejuveblog. ;-)

    RispondiElimina

Lascia il tuo commento su ForzaJuveblog.com!

Copyright 2006 | Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com | Links utili: Redazione - Contattaci - Siti amici - Risultati in diretta