Image Cross Fader Redux

(11 maggio 2014) di ROBERTO SAVINO - Doveva essere la sfida delle sfide, la partita madre del Campionato ed invece, con il suicidio della Roma a Catania e lo scudetto saldamente ricucito sulle maglie bianconere, la trasferta nella Capitale vale come un’amichevole estiva. Ma nessuno vuol perderla ugualmente e l’avvio è guardingo da parte di entrambe. Otto minuti e Bastos ci prova con il sinistro, Storari è attento e blocca. Tre minuti e da buona posizione Asamoah alza sulla traversa. Troppo poco, per ora. Quindi al quarto d’ora, sul traversone basso da sinistra, Llorente è abbattuto da Castan, palla a Tevez che insiste troppo nel dribbling e guadagna solo un corner. Due minuti e Torosidis batte Storari colpendo la sfera con il braccio ed esultando come Zorzi al Mondiale di Pallavolo. L’arbitro è attento e si continua sullo 0 a 0. Cresce la Juve, Pogba sale di tono, apre a Lichtsteiner che scarica su Pirlo, il cui traversone mette in apprensione il portiere. Ora è una bella partita. Il destro di Totti da venti metri sfiora la traversa e forse anche le dita di Storari. Bene così. Sul rovesciamento di fronte, Llorente sfugge al suo controllore, entra in area e sferra un sinistro violento ma centrale, deviato in corner da Skorupski. Gervinho è un fulmine a destra, brucia Chiellini e mette dietro. Nainggolan spara in curva col mancino. I bianconeri non restano a guardare e Tevez, generosissimo, allarga per Asamoah. Cross morbido sul secondo palo per la testa di Llorente, troppo centrale. Il basco ci prova ancora con il mancino da posizione impossibile dopo aver controllato magnificamente con la coscia, ma a palla sfila alta. Poi, al minuto 39, la più ghiotta occasione per far gol capita sui piedi di Gervinho, lanciato tra le linee da Pjanic, ma ipnotizzato da un grande Storari. Ma in chiusura Pogba pareggia il numero delle occasionissime, stampando un palo in diagonale con un destro precisissimo e teso. Tutti negli spogliatoi dopo un primo tempo davvero divertente, a tratti all’arma bianca, che riconcilia con il gioco del calcio. La ripresa è quasi tutta di marca giallorossa, ma Storari in versione uomo ragno prende tutto e strozza più volte in gola ai capitolini l’urlo del gol (strepitoso su Nainggolan e Florenzi nella stessa azione). Si procede a strappi e solo un colpo a sorpresa può decidere la gara, ma c’è più Roma in campo, fuori di dubbio. Il pregio della grande squadra è però quello di non mollare mai ed uscire nel momento decisivo, e chi scrive non ha affatto detto che il secondo tempo è tutto della Roma. Ed infatti, quando mancano gli ultimi venti secondi del match, Tevez sfonda centralmente, allargando poi a Pogba, il quale la scarica all'accorrente Lichtsteiner sulla destra. Il cross basso dello svizzero è sul destro di Osvaldo, il portiere polacco non ci arriva e la rete si gonfia! E’ il gol dell’ex che decide il match. La Juventus sbanca l’Olimpico nel tripudio dei bianconeri e raggiunge i 99 punti di una classifica strepitosa, più quattordici sulla Roma seconda. 

3 commenti...dì la tua!... Leggi e aggiungi il tuo commento!

  1. ..insomma, non mi sembra che storari abbia fatto + parate del loro portiere,e poi quel palo di Pogba....lo visto solo io.....

    RispondiElimina
  2. hai ragione, ho aggiornato...(però il secondo tempo è stato + loro, ciao e grazie. rob. ;)

    RispondiElimina
  3. E' solo l'ennesima dimostrazione di quanto la Juve sia forte e compatta....si vince sul campo e solo sul campo! Rimane l'amarezza per non aver potuto disputare la finale....ma lo schiaffo alla Roma in casa loro resta una delle soddisfazioni di quest'anno incredibile!

    RispondiElimina

Lascia il tuo commento su ForzaJuveblog.com!

Copyright 2006 | Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com | Links utili: Redazione - Contattaci - Siti amici - Risultati in diretta