Image Cross Fader Redux

(11 maggio 2014) - Archiviata la pratica-scudetto, mentre gli occhi del mondo iniziano a rivolgersi verso Lisbona,prossima sede della finale di Champions, e verso le terre brasiliane per i prossimi campionati mondiali, la Juventus inizia a muoversi in vista della prossima stagione e la prima domanda che ci si pone è: sulla panchina ci sarà ancora Antonio Conte? Chi si intende di quote scommesse su questo sito afferma che l’incontro tra il tecnico e la società per programmare la prossima stagione,rimandato a lunedi post Roma-Juventus, avrà un esito positivo per un duplice motivo.
Il primo è il legame tra il tecnico pluriscudettato, già decennale capitano della squadra bianconera, e l’intera tifoseria juventina; il secondo, più importante, è che la conferma del tecnico salentino, voglioso di una squadra all’altezza delle big d’Europa, darà sicuramente un segnale importante al popolo bianconero che si aspetta una squadra finalmente competitiva anche oltre le frontiere nazionali, con il sogno di raggiungere quello stadio che 8 anni fa vide la Nazionale arrivare sul tetto del mondo, l’Olimpia Stadium di Berlino.
Nel caso, molto probabile e auspicato, che Conte rimanga sulla panchina bianconera, occorrerà cambiare modulo, rendere la squadra al passo con il resto d’Europa, dal momento che il 3-5-2 si è dimostrato inadatto ai grandi palcoscenici europei. Trasformare il 3-5-2 in un compatto 4-3-3 con l’innesto di altri top players non sarà opera facile per Beppe Marotta: ci sarà da confermare Pogba o utilizzare l’introito della sua cessione per almeno un paio di grossi colpi. Inoltre bisognerà inserire nell’organico un esterno di sinistra più adatto al cambio di modulo rispetto ad Asamoah, e su questo fronte si fanno già i nomi di Evra, Kolarov e Lulic, con il serbo favorito nelle quote scommesse betfair e che potrebbe essere l’esterno che da tempo Conte chiede per completare il reparto difensivo a quattro.
Capitolo attacco: i segnali e le voci riguardanti gli attaccanti in contatto con l’entourage bianconero lasciano presagire un progetto 4-3-3 e a tal proposito servirà l’innesto di un esterno d’attacco. Qualcuno parla di Sanchez, altri parlano di Nani, ma gli indizi sono evidenti: ci vuole un esterno di qualità capace di saltare l’uomo, dare rapidità alla manovra e che abbia doti realizzative all’altezza dell’obiettivo da raggiungere, da affiancare alla potenza di Tevez e, probabilmente, alla cinicità di Llorente, ammesso che il navarro venga confermato al centro del progetto bianconero. Il basco infatti potrebbe essere sacrificato per creare una plusvalenza non indifferente, essendo stato acquistato a parametro zero, ma si sa, vendere significa, sostituire e quindi comprare e l’impresa non è semplice. E a centrocampo? Tutto ruota intorno alla conferma o alla cessione del talento Pogba. Conferma significherebbe presentarsi ai nastri di partenza con un quintetto magnifico formato da Pogba, Pirlo, Vidal, Marchisio e Asamoah che si giocano tre posti; la cessione invecesignificherebbe dover sostituire il francese e acquistare un Top Player in grado di non creare rimpianti, e i nomi girati negli ultimi giorni si sono rivelati inconsistenti.
Una cosa è certa, la Juventus ha bisogno di fare il salto di qualità in Europa, ci vuole forza tecnica, capacità tattica, estro, top players, ma anche convinzione, convinzione di poter essere l’Atletico Madrid della prossima stagione, in grado di impensierire tutte le big europee.

Che ne pensi? Lascia il tuo commento e interagisci con gli altri!

Lascia il tuo commento su ForzaJuveblog.com!

Subscribe to Posts | Subscribe to Comments

Copyright 2006 | Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com | Links utili: Redazione - Contattaci - Siti amici - Risultati in diretta