Image Cross Fader Redux

(14 marzo 2014) di ROBERTO SAVINO - Pienone allo J.S. per l’ottavo di Europa League tutto italiano, che riporta alla memoria la Coppa UEFA conquistata dalla Juventus contro la Fiorentina nella doppia finale andata in scena quasi un quarto di secolo prima. Per la seconda sfida in cinque giorni, mister Conte, per necessità o per scelta, attua un corposo turnover, con Ogbonna, Caceres, Isla, Osvaldo e Giovinco in campo al posto di Bonucci, Barzagli, Lichtsteiner, Llorente e Tevez. Nemmeno il tempo di prendere le misure e dopo 2’ e 45’’ Marchisio gira verso l’area per lo stop di Giovinco con il petto, ottimo assist per il collo destro d’incontro di Vidal da 7/8 metri che fa esplodere lo Stadium portando in vantaggio i bianconeri. La viola accusa il colpo. Asamoah crea scompiglio a sinistra, Osvaldo non capitalizza svirgolando a lato, Isla è un furetto dall’altra parte e combina bene con Vidal, destro scialbo del cileno. Poi Savic salva in corner sul diagonale del ghanese, impedendo il facile appoggio in rete di Osvaldo. Siamo al 14° quando a svegliarsi sono gli uomini di Montella. Il destro di Aquilani al volo, stilisticamente apprezzabile, è sballato ma ottimo per la zampata di Matri che per poco non beffa Buffon. Quattro minuti ed il portierone arriva sul tiro di Mati Fernandez, con palla che resta lì per attimi di apprensione. Asamoah spazza via in sforbiciata evitando guai grossi anticipando Borja Valero. E’ una splendida partita per merito, dal 15° minuto, anche dei toscani e le emozioni si susseguono senza sosta. Giovinco gira un destro tra le braccia di Neto, Marchisio fa il diavolo a sinistra per la testa di Vidal, parata del portiere. Al 36° Matri passa Ogbonna, Buffon sicuro blocca il suo destro sporco. Pochi attimi e la traversa dice di no a Vidal ed al suo terzo tempo perfetto sul cross da sinistra di un Pirlo ripresosi dopo minuti di black out. La ripresa non decolla, spezzettata da tante interruzioni prima e dall’eccessivo tatticismo di due squadre innanzitutto preoccupate di non prenderle. Fino al minuto 79, fatale per Buffon e compagni, infilati da Gomez per l’1 a 1 che accende gli scampoli di gara rimasti, con la Fiorentina molto più vicina al raddoppio dei bianconeri, soprattutto con l’ultima sventola velenosa di Vargas, che impegna Buffon in un difficile intervento. Deludentissimo per come era cominciato il match, giusto per il modo in cui è proseguito, l’1 a 1 rimanda ogni discorso qualificazione alla partita di ritorno che si giocherà al Franchi tra una settimana e che si preannuncia bollente. Per andare avanti in coppa, servirà la migliore Juve e non la sua copia sbiadita vista per lunghi tratti di gara nella sfida odierna.


2 commenti...dì la tua!... Leggi e aggiungi il tuo commento!

  1. concordo............vado a dormire nervoso....fabbry

    RispondiElimina
  2. Ottima desanima del match impeccabile come sempre le coppe europee nn le digeriamo occorre cambiare mentalita di approccio attuare una tattica cmq conservativa nel fatto un goal se capita ne faccio un altro comporta un atteggiamento inconsciamente rinunciatario e le gambe nn connettono piu con la testa quindi animo e coraggio come se fosse l ultima e "strafochiamoci"all'aperitivo cenato di giovedi prox 😜 valeria di cuore d'Abruzzo

    RispondiElimina

Lascia il tuo commento su ForzaJuveblog.com!

Copyright 2006 | Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com | Links utili: Redazione - Contattaci - Siti amici - Risultati in diretta