Image Cross Fader Redux

(16 dicembre 2013) di LIVIA PRINCIPINA MARCHISIO - Antonio Conte è soddisfatto dell’atteggiamento mentale della sua squadra a pochi giorni dalla delusione in Champions: «Non c’era bisogno di messaggi, siamo tutti dispiaciuti per l’eliminazione ma abbiamo subito voltato pagina, così come doveva essere» il primo pensiero del mister che continua: «in campionato continuiamo a fare cose straordinarie e oggi abbiamo vinto la 14ª partita su 16 giocate. Ma il cammino è ancora lungo e le avversarie sono agguerrite, basta vedere cosa ha fatto il Napoli in Europa. Ma noi speriamo di fare meglio, ricordando che questo è il terzo anno di fila che siamo sempre lì davanti a lottare». Carlitos Tevez è raggiante dopo la sua prima tripletta in maglia bianconera e commenta così la gara: «Cerco sempre di giocare al massimo, a volte ci si riesce altre meno. Oggi mi hanno aiutato molto i compagni e questo è importantissimo». Dopo l'uscita dalla Champions non era facile tornare a vincere, gli chiedono: «Non era così semplice, perché ci tenevamo a fare bene in Europa. Abbiamo parlato dopo Istanbul, dicendoci che dovevamo reagire. Siamo la Juve e conosciamo le nostre potenzialità. L'eliminazione nasce anche e soprattutto dagli errori commessi nella prima partita contro il Copenaghen, ma ora abbiamo cancellato la delusione. Ci sono altre competizioni sulle quali puntare e dobbiamo concentrarci su quelle. Siamo una squadra forte mentalmente e questa è una qualità importante». Gigi Buffon dopo l'ottava vittoria consecutiva e l'ottava partita senza prendere gol (sale a 730 minuti l’imbattibilità del portierone) ribadisce il concetto: «È stata una bella risposta dopo mercoledì. Sembra che sia sempre tutto dovuto, ma non è così e per vincere bisogna sempre soffrire. Oggi davvero non dovevamo sentire le scorie di un’eliminazione che è comunque stata bruciante. C’è grande dispiacere, ma anche la consapevolezza che ora ci aspetta un altro trofeo, l’Europa League, da giocare al meglio per provare ad arrivare fino in fondo per la finale di Torino. Ora sono otto vittorie di fila e senza prendere gol, merito del lavoro di tutti, anche degli attaccanti che sono i nostri primi difensori».

Per molti, insieme all’Apache è stato il migliore in campo. Kwadwo Asamoah così ricorda il gol, che avrebbe meritato e che, invece, è stato solo sfiorato: «Quando ho visto il pallone ero davvero convito di riuscire a segnare, ma il calcio è così... Speriamo di riuscirci presto». Quanto al match, Asa sottolinea: «la partita di Istanbul non ha lasciato segni e oggi abbiamo giocato un'ottima gara, aiutandoci l'un l'altro, come deve fare una grande squadra. Siamo contenti per la vittoria e per aver mantenuto la testa della classifica. Dobbiamo continuare così, senza guardare ai risultati delle altre, ma continuando per la nostra strada»

Che ne pensi? Lascia il tuo commento e interagisci con gli altri!

Lascia il tuo commento su ForzaJuveblog.com!

Subscribe to Posts | Subscribe to Comments

Copyright 2006 | Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com | Links utili: Redazione - Contattaci - Siti amici - Risultati in diretta