Image Cross Fader Redux

(28 novembre 2013) di LIVIA PRINCIPINA MARCHISIO - Al termine della vittoriosa sfida di Champions contro il Copenaghen, Antonio Conte esprime la sua soddisfazione, ma non manca di sottolineare alcune pecche dei suoi ragazzi: «Quella di stasera è stata una vittoria meritata anche se ci siamo complicati la vita con quel gol preso da palla inattiva, siamo stati bravi a riprenderci e a segnare il secondo e il terzo gol. Ora pensiamo alla partita con il Galatasaray, sappiamo quello che ci attende ma anche che in questa situazioni ci siamo messi noi non riuscendo a vincere le prime due partite. Comunque andremo a Istanbul non per amministrare perché non è nel nostro dna, proveremo a vincere come sempre. Già sapere che tutto dipende da noi è importante». Chi, invece, è raggiante, è il protagonista assoluto della partita, che risponde al nome di Arturo Vidal: «Sono felice quando metto la maglia della Juve e scendo in campo, voglio aiutare i compagni e dare il massimo».Il cileno racconta come ha calciato il suo secondo rigore, tirato, come il primo, nell'angolo alla destra di Wiland: «Ho guardato il portiere e ho visto che ha fatto un passo verso sinistra, così ho scelto l'altro lato. Ero diffidato e avevo un po' di timore, perché la partita contro il Galatasaray sarà importante, ma è andata bene, abbiamo vinto». Anche Giorgio Chiellini è già proiettato alla sfida decisiva di Istambul e non nasconde il rammarico per i pareggi nelle gare di andata contro i turchi e i danesi che hanno impedito alla Juventus di qualificarsi in anticipo per gli ottavi: «Spiace, perché potevamo portare a casa più punti nelle altre partite, ora ci giocheremo tutto in Turchia. Oggi abbiamo fatto una buona prova ma niente di eccezionale, anche perché, loro ci hanno limitato e non c'è stato il tiro al bersaglio dell'andata Dietro però non abbiamo concesso nulla, anche se abbiamo subito gol su palla in attiva, in una situazione nella quale i danesi sono pericolosi perché possono far valere la loro fisicità. In ogni caso siamo stati bravi a rialzarci subito». In chiusura, le riflessioni sulla partita di Leonardo Bonucci: «Loro hanno cercato di difendersi in 11 e noi abbiamo trovato le solite difficoltà trovando pochi spazi. Siamo stati bravi e fortunati nei rigori e poi bravi a giocare con calma ed esperienza dopo il loro pareggio. Gli avversari ormai ci studiano e provano a limitarci, anche per questo è importante avere una soluzione in più con le palle alte per Llorente. Il gol subito stasera? Nelle mischie può capitare, non si sa mai dove il pallone possa finire, Mellberg è stato più veloce a ribattere».

3 commenti...dì la tua!... Leggi e aggiungi il tuo commento!

  1. Bell' articolo Livia.

    RispondiElimina
  2. Brava Livietta, la vita offre cose alterne, è come un'onda, si comporta in modo strano... Così come si propaga, seguendo la meccanica dei "quanti"........ Sperando che, d'ora in avanti si propaghi in linea retta (come un corpuscolo in moto..), fino alla VITTORIA FINALE.................... Complimenti ancora........

    RispondiElimina

Lascia il tuo commento su ForzaJuveblog.com!

Copyright 2006 | Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com | Links utili: Redazione - Contattaci - Siti amici - Risultati in diretta