Image Cross Fader Redux

(6 ottobre 2013) di ROBERTO SAVINO - Sotto una pioggia battente, la partenza è shock per la Juve nella sfida contro il Milan, valida per la 7° giornata di campionato. Appena 22 secondi e da un tiro sballato di Nocerino, la deviazione di Muntari è fatale per Buffon. Colpiti a freddo, i bianconeri impiegano qualche minuto per riprendersi dallo schiaffone. E’ all’8° minuto la prima replica, con Vidal che vede il corridoio giusto ed offre un gran pallone a Quagliarella. Il destro dello stabiese è però, alle stelle. Prova anche dalla distanza la Juventus con tiri di Asamoah e Chiellini che impegnano i guantoni di Abbiati per corner infruttuosi (9° e 11°). E’ in difficoltà ora il Milan ed i padroni di casa finalmente ne approfittano. Al 14° Tevez sfonda al centro con una gran percussione, guadagnando il giallo di De Jong ed una punizione dai 18 metri, magistralmente eseguita dal destro di Pirlo. Abbiati può solo sfiorare ed è 1 a 1. L’Apache con una splendida veronica si libera di mezza difesa, avanza di qualche metro e si guadagna un altro giallo per fallo di Constant. La punizione dalla tre quarti di Pirlo è sulla testa di Bonucci con palla che sfila a lato. Buffon è bravo a deviare in angolo un velenoso destraccio di Zapata dalla distanza  (26°) e la partita si spegne. Il Milan fa gran possesso palla, mentre la Juve somma errori su errori, per lo più banali. Al 41°, però, uno scatenato Tevez entra in area e viene vistosamente spintonato da Constant, ma l’arbitro ingoia il fischietto e fa inspiegabilmente continuare. Si va al riposo, così, con un rigore negato persino per Caressa ed un giallo risparmiato a Constant (sarebbe stato il secondo), con la speranza di vedere un secondo tempo con la vera Juve in campo. Ed al 49° Vidal, con un sinistro da fuori, trova solo un corner, sugli sviluppi del quale Mexes stende con un gancio Chiellini, non visto anche questo dall’arbitro. Continua la sagra degli errori e Padoin perde un pallone sulla tre quarti, lasciando a Matri un invito a Robinho il quale, stavolta, trova i riflessi pronti di Buffon. Asamoah si accentra e prova il destro, ma il piede non è il suo preferito e si vede (59°). Anche il Milan ci prova ogni tanto e De Jong per un soffio non trova l’eurogol con un destro al volo a lato di poco. Dall’altro lato, passano 3 minuti ed il nuovo entrato Pogba, nell’insolito ruolo di esterno a destra, con il destro spara centrale per poi riprendere la sfera e mettere dietro un gran cross per l’accorrente Asamoah che, stavolta con il suo piede preferito, ciabatta malamente sul fondo. Entra Giovinco ed in due minuti diventa il protagonista del match. Vidal lo serve in area e lui con un dribbling secco si libera di De Jong per poi piazzare la sfera alle spalle di Abbiati (69°). E’ il 2 a 1 e la partita cambia ancora, con la Juve che prende il sopravvento ed un Mexes che, durissimo su Giovinco, si merita un rosso e lascia i suoi in 10. La punizione dai 20 metri di Pirlo è perfetta e centra la traversa vicino all’incrocio. Sulla ribattuta, ad irrompere è Giorgione Chiellini il quale in scivolata mette dentro a porta sguarnita. Giusto in tempo per dedicare l’ovazione a Tevez, anche quest’oggi vero guerriero, e Pogba perde banalmente un pallone sulla mediana. Ad approfittarne è Muntari che, grazie alla deviazione di Bonucci, trova l’insperato 3 a 2. Il tempo è davvero poco e con il cuore in gola per la testata di Zapata alta sulla traversa proprio allo scadere del recupero, la Juventus porta a casa 3 punti fondamentali per restare in scia alla Roma che in queste sette giornate ha fatto filotto. Ma è ancora presto per i giallorossi per cantar vittoria. Pur con tutti i problemi la Juve è ancora lì, pronta a giocarsi tutte le sue chance per riconfermarsi ancora.  

Che ne pensi? Lascia il tuo commento e interagisci con gli altri!

Lascia il tuo commento su ForzaJuveblog.com!

Subscribe to Posts | Subscribe to Comments

Copyright 2006 | Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com | Links utili: Redazione - Contattaci - Siti amici - Risultati in diretta