Image Cross Fader Redux

(28 settembre 2013) - La conferenza stampa di Antonio Conte alla vigilia del derby della Mole, inizia con una difesa del tecnico al lavoro svolto ed ai risultati conseguiti: «questa sarà una stagione molto dura. Chiunque incontriamo cerca soprattutto di bloccarci. Le statistiche non è che parlano di una Juventus disastrosa, anche perché fosse così nelle prime sei partite ufficiali di quest'anno, di cui quattro fuori casa e due in casa, non ne avremmo pareggiate due e vinte quattro, vincendo anche un trofeo». Al di là di questo, conscio che non tutto fili alla perfezione, l'allenatore bianconero tranquillizza i tifosi assicurando che «in questo periodo stiamo lavorando per cercare di migliorarci, però piano, così come vi dicevo piano dopo tre partite, quando parlavate di una Juve stratosferica, di una Juve spaziale. Io invece vi dico piano anche quando parlate di una Juventus che fa fatica, perché poi nel campionato italiano quest'anno faremo grande fatica, perché chi ci affronta pensa solamente a limitarci snaturando il proprio gioco, così come ha ammesso anche Sannino».
In attesa del derby, poi, Conte non si sbilancia sulla formazione ("Vucinic si è allenato bene e la sua condizione sta migliorando", l'unica ammissione) e lancia un vero e proprio monito «Nel derby le gerarchie non contano, può succedere di tutto e noi dovremo stare attenti». Il mister, dall'alto della sua esperienza, è consapevole della difficoltà del match contro i "cugini" granata" ed accende ancor di più la spia dell'attenzione «questa è sempre una gara particolare» continua il Condottiero il quale, giusto per richiamare l'ambiente alla giusta concentrazione ricorda: «l'anno in cui vincemmo lo scudetto ed il Torino retrocesse perdemmo i due derby ... Nutriamo molto rispetto per la società di Cairo. Sono un buona formazione e hanno ottimi giocatori.L'anno scorso mi piaceva il modulo del Toro. É un gioco che ho fatto con altre squadre e all'inizio del mio percorso qui alla Juve. Se il Toro ha cambiato il suo modulo ci sarà una ragione. Ventura è un ottimo mister, dovremo essere molto concentrati».
Alla fine, sulle distrazioni che qui e lì coinvolgono a turno i suoi giocatori, il mister, non prima di aver chiarito che «il fatto che abbiamo vinto lo scudetto per due anni di fila e in maniera netta ha certamente portato delle certezze all'interno della squadra. È inevitabile che in questi due anni tutti i calciatori della rosa siano cresciuti a livello qualitativo, tecnico, tattico e fisico e quindi la squadra sia cresciuta in generale. Dopo due anni di vittorie di questo tipo è inevitabile che si possa iniziare a pensare che alla fine comunque la vinciamo la partita». ammette il suo timore«allora potrebbe esserci un approccio meno feroce rispetto a prima, un'attenzione meno feroce rispetto a prima, dico forse»
Ma al di là di questo, Conte dimostra molta calma, concludendo:  «sono tranquillo, come dico sempre ho dei bravi calciatori, ma soprattutto degli ottimi uomini, e questo mi permette di posare la lente di ingrandimento sulle cose che devono essere migliorate e di trovare dall'altra parte delle persone che ascoltano, che non sono abbagliate dalle vittorie conseguite e che comunque quando le cose non vanno sono i primi che sono molto autocritici. In ogni caso se noi non saremo perfetti quest'anno, sarà molto molto difficile ripeterci».

Che ne pensi? Lascia il tuo commento e interagisci con gli altri!

Lascia il tuo commento su ForzaJuveblog.com!

Subscribe to Posts | Subscribe to Comments

Copyright 2006 | Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com | Links utili: Redazione - Contattaci - Siti amici - Risultati in diretta