Image Cross Fader Redux

(31 agosto 2013) di ROBERTO SAVINO - Una Juve da Play Station annichilisce con un secco 4 a 1 la Lazio nella seconda giornata di campionato. Troppa roba per i biancocelesti questa Juventus spietata che nei primi 25 minuti di gioco sembra giocare in Paradiso, lasciando agli avversari soltanto azioni di rimessa. Il gol che sblocca la partita è dell’onnipresente Vidal, prontissimo ad incunearsi tra le linee della difesa degli uomini di Petkovic per raccogliere una perfetta verticalizzazione no look di Pogba e battere Marchetti con un preciso esterno destro. Siamo appena al quindicesimo minuto di gioco e la Juve è assoluta padrona del rettangolo verde. Continui raddoppi sui portatori di palla avversari ed un gol sempre più nell’aria che giunge, puntuale, al ventiseiesimo minuto. Stavolta il lancio con il contagiri è dalle retrovie e porta la firma di Bonucci. King Arturo è sempre lì, nel centro dell’area di rigore, lestissimo a stoppare con il destro e mettere, stavolta con il mancino a mezzo giro, alle spalle di Marchetti. Sembra fatta, ma un calo di tensione rimette in partita gli ospiti. Stavolta la respinta di Buffon (impegnatissimo dalla distanza dagli avversari) è troppo centrale. Troppo facile per Klose riaprire il match in tap in. Minuti di confusione tra gli uomini di Conte che lasciano sempre più campo ad avversari rinfrancati ed un intervallo che giunge opportuno per far riordinare le idee. Ed infatti, tolti pochi attimi di ripresa di marca laziale, è la Juve a riappropriarsi del match sfruttando con cinismo ogni errore degli ospiti. E’ ancora Bonucci, da distanza siderale, a trovare il varco giusto e sulla corsa mette Vucinic nelle condizioni di trafiggere Marchetti per il 3 a 1 che fredda le ambizioni dei Lotito boys. E’ in discesa ora il match e la sua virtuale conclusione è nell’ingenuo colpo di mano di Hernanes il quale, già ammonito, viene espulso per doppio giallo. In totale controllo, Vidal e Tevez regalano lampi di puro spettacolo sulla tre quarti ospite, con l’argentino sempre più integrato nei meccanismi della squadra che prima coglie una strepitosa traversa dal limite dell’area e poi, a poco più di un quarto d’ora dal triplice fischio, delizia il popolo bianconero con un destro maligno da fuori area che non lascia scampo a Marchetti. Game over allo Juventus Stadium e primo posto in classifica conservato, grazie ad una prestazione maiuscola che ha spazzato via le polemiche della vigilia. Nota di merito per un grandissimo Vidal, uomo ovunque e certamente migliore in campo, per Bonucci, assist man come non mai, per un ottimo Tevez, mobilissimo e mai banale e per Asamoah, in gran spolvero sulla sua fascia. Avanti il prossimo e sempre forza Juve.

4 commenti...dì la tua!... Leggi e aggiungi il tuo commento!

  1. Sintesi perfetta della gara Roberto!

    RispondiElimina
  2. perfetta analisi.....ma mi chiedo....Lorente quando gioca?....Fabbry

    RispondiElimina

Lascia il tuo commento su ForzaJuveblog.com!

Copyright 2006 | Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com | Links utili: Redazione - Contattaci - Siti amici - Risultati in diretta