Duemilacentonovanta giorni di centimetri

di ROBERTO SAVINO - Duemilacentonovanta giorni fa, bisestile più, bisestile meno, ed il pareggio di Firenze grazie al gol del solito, grande, Alessandro Del Piero regalava ai bianconeri l’ottantesimo punto in 33 gare di un Campionato dominato. Poi la storia voi la sapete, noi la sappiamo e loro anche, ma preferiscono far finta di non conoscerla. Accecati come erano dall’unico intento di distruggere per sempre la Storia ultracentenaria di una squadra che non ha eguali, ora che i contorni della faccenda son ben più chiari, con la stessa pavidità preferiscono girare la testa dall’altra parte, è più semplice ma, soprattutto, è molto più conveniente. Da vili, appunto. L’opera di distruzione, purtroppo per loro, non è andata a buon fine. Perchè la Juve è come la lava di un vulcano. Non la puoi fermare. Puoi tentare di deviarne il corso, certo, ma puoi star sicuro che arriverà sempre a valle. Così, questi duemilacentonovanta giorni di digiuno hanno scritto un’altra Storia, bellissima, di sofferenza sportiva. Francamente non ne sentivo il bisogno, non ne sentivamo il bisogno, sia chiaro. Sta di fatto che questo infinito lasso di tempo ha avuto il merito di svegliare il vero animo bianconero di ciascun tifoso che non l’ha abbandonata ma che, tutt’al contrario, l’ha accudita come un bimbo in fasce, proteggendola in ogni dove tirando fuori gli artigli, a cominciare dal più infimo bar dello stivale, fino al più alto tribunale. Ed ora che ci è più chiaro il valore del premio finale, il monito che stiamo tutti insieme lanciando è che ogni obiettivo sarà inseguito con il massimo delle forze. E ci riprenderemo tutto con gli interessi, senza se e senza ma, senza discussioni! Perché da oggi, a prescindere dall’esito di questa stagione, varranno le parole del mister. Parole che sono e saranno la pietra miliare della nostra nuova Storia. Da oggi, per batterci, dovranno sputare sangue! Parole dirette, come quelle memorabili pronunciate da Tony D’Amato in “ogni maledetta domenica”. Come in quel caso, è fin troppo ovvio che di sangue sportivo si tratti e non c’è bisogno lo ricordino con il sorrisino come fa il maestro con l’alunno della scuola elementare. In poche parole Conte lo ha detto chiaro agli avversari. Questi ragazzi si difenderanno con le unghie e con i denti per guadagnare anche un solo centimetro, perchè ormai sanno perfettamente che quando andranno a sommare quei centimetri, il totale farà la differenza tra la vittoria e la sconfitta, la differenza tra la vita e la morte (ed ora fate la morale ad Oliver Stone).

Il pezzo è stato programmato prima delle dichiarazioni di Gennaro Gattuso. Lo giuro.

Roberto Savino, classe 1970, avvocato. 
"Alex del Piero minuto per minuto" (Castelvecchi editore, €16,50) è il suo primo libro.

7 commenti...dì la tua!:

arcangelo ha detto...

Roberto Savino the best!!! :D

Anonimo ha detto...

grazie arcangelo. roberto

jens ha detto...

come sempre....complimenti a Savino!!

Fede ha detto...

Semplicemente SUPER!!!!! fino alla fine raga...forza juve!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

grazie jens, grazie fede ....crediamoci! roberto

Anonimo ha detto...

Comunque, Antonio non ha detto sputare, bensì "cacare".

Anonimo ha detto...

vabbè....sputare..cacare....per loro è uguale...con quella faccia....

Posta un commento

Lascia il tuo commento su FORZA JUVE!


Forza Juve blog - www.forzajuveblog.com Copyright © 2006 -- Template created by GS -- Powered by Blogger